Resta a Elisabeth Taylor il Van Gogh rubato dai nazisti

Margarete Mauthner, ebrea nella Germania del Terzo Reich, era la proprietaria di una tela di Vincent Van Gogh del 1889, la “Vue de l'Asile et de la Chapelle de Saint-Remy” (in foto). L’opera le fu sottratta nel 1939, nel corso di una razzia di militari nazisti.

Dopo varie vicissitudini, nel 1963 l’opera su acquistata a un’asta di Sotheby’s a Londra dall’attrice Elizabeth Taylor per 250 mila dollari. Ma agli eredi la cosa non è mai andata già e hanno infatti ingaggiato una dura battaglia legale. Hanno cercato di far tornare l’opera alla famiglia puntando sull’incauto acquisto e sostenendo che l’acquirente si sarebbe dovuta informare circa le origini del dipinto.

Il responso dei giudici? La Corte d’Appello di San Francisco ha decretato che Elizabeth si può tenere il suo quadro, essendo il reato caduto in prescrizione. Il valore attuale dell’opera si aggira tra i 10 e i 15 milioni di dollari.

Fonte: L'espresso

  • shares
  • Mail