Le case museo di Milano, queste sconosciute

Case museo. Casa Boschi. Sala Sironi

C'è un sorprendente tesoro, disseminato per Milano, ignorato ai più. Mi riferisco alle opere e agli oggetti d'arte esposti nelle 4 case museo della città. Ma cos'è una casa museo? Purtroppo, non solo le case museo sono quasi del tutto ignote ai turisti , ma anche agli stessi milanesi. Ebbene, mi piacerebbe parlarvene, perché racchiudono un patrimonio artistico non indifferente, e che vale la pena di prendere in considerazione. Innanzitutto bisogna chiarire cosa sono queste case museo. Esse sono, niente più, che abitazioni trasformate in museo.

Alcune antiche famiglie di Milano, per passione, sono arrivate ad accumulare dei grandi patrimoni artistici. Acquistavano le opere per collezionismo, e le esponevano nelle stanze delle loro case, così come fan tutti. In seguito, al posto di rivenderle a privati, hanno deciso di donarle alla città, e le loro abitazioni, appunto, sono diventate dei musei. A Milano ce ne sono 4: Casa Boschi, il museo Poldi Pezzoli, Villa Necchi Campiglio, e Villa Bagatti Valsecchi. Da qualche tempo, fanno parte di un circuito museale: questo il sito. Di queste case, brevemente, vi voglio parlare.

Casa Boschi (di cui vedete uno scorcio qui sopra, e nelle prime foto della gallery) è uno dei fiori all'occhiello di questo circuito. Si trova in una traversa di corso Buenos Aires, e prende naturalmente nome dall'omonima famiglia di collezionisti illuminati, come a Milano ne sono rimasti pochi. Ebbene, tra il salotto e la sala da pranzo, sono custodite opere appartenenti dal primo Futurismo agli anni Cinquanta. Stiamo parlando di Carrà (nella stanza degli ospiti), Sironi (vedi foto sopra), Morandi, De Pisis, Lucio Fontana, De Chirico e Savinio. Niente male come collezione privata, o no?

Proseguendo nella gallery vedrete lo scalone e alcune immagini del museo Poldi Pezzoli, quello più conosciuto dai milanesi, forse perché si trova in pieno centro, in via Manzoni. Qui potrete trovare dei capolavori del Rinascimento, fra cui opere di Piero della Francesca, Botticelli, la celebre dama del Pollaiuolo, tele del Mantegna e la collezione d'armi impreziosita dal bell'allestimento di Pomodoro.

Sempre all'insegna del Rinascimento, anche se quello lombardo, casa Bagatti Valsecchi in via gesù fa bella mostra di maioliche, arredi, avori, ma anche quadri, fa cui spicca ancora De Chirico e il Canaletto. Bellissima anche solo la casa, ristrutturata dalla nobile famiglia negli anni 80 dell'Ottocento. Un po' spettrale, ma decisamente interessante. Sicuramente più ariosa è Villa Necchi Campiglio, una palazzina razionalista con inserti déco e piscina. Venne disegnata negli anni Trenta per 'omonima famiglia appartenente alla facoltosa alta borghesia. La villa ospita oggi la collezione di dipinti e sculture degli anni Venti-Quaranta della gallerista Claudia Gian Ferrari.

Fra queste, la mia preferita rimane senza dubbio Casa Boschi, seguita dal museo Poldi Pezzoli, che ogni studente di storia dell'arte (ma non solo!) dovrebbe visitare. Il mio consiglio è di farvi un giro. Milano, i cui scorci più belli sono stati cementificati dal cosiddetto progresso, vi sembrerà sicuramente più bella.

Case museo. Milano

Case museo. Palazzo ducale, filippo de pisis. Casa Boschi Case museo. Casa Boschi. Arturo Martini Case museo. Le brioches. De Chirico. Poldi Pezzoli

Case museo. Botticelli. Compianto sul Cristo morto. Poldi Pezzoli Case museo. Piero della Francesca. San Nicola da Tolentino Case museo. Poldi Pezzoli
Case museo. Casa Bagatti Valsecchi Case museo. Casa Bagatti Valsecchi Case museo. Casa Bagatti Valsecchi
Case museo. Villa Necchi Case museo. Villa necchi Case museo. Villa necchi

  • shares
  • Mail