Futurismo balneare


La “carovana” delle celebrazioni futuriste fa tappe anche a Viareggio dove dal 10 ottobre fino al 20 dicembre è in programma Futurismo Balneare. La sede è la Gamc, Galleria di arte Moderna e Contemporanea di Piazza Mazzini, proprio di fronte al mare.

Il Futurismo a Viareggio e in Versilia. Accadimenti e Riflessi dal 1918 al 1940
è una mostra organizzata dal Comune di Viareggio e dall’associazione Caleidoscopio, a cura della nuova direttrice del centro Alessandra Belluomini Pucci e Riccardo Mazzoni. L'intento della mostra è celebrare lo speciale rapporto che questo territorio ha intrattenuto con le avanguardie del primonovecento ed in particolare il futurismo. Una storia fatta di Toscana, mare, percorsi artistici che si incrociano nella fecondità creativa delle vacanze.

Quaranta le opere in mostra, di autori come Uberto Bonetti, Primo Conti, Guido Dal Monte, Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Krimer, Achille Lega, Moses Levy, Alberto Magnelli, Alberto Magri, Antonio Marasco, Enrico Prampolini, Ram, Ardengo Soffici, Thayaht, Lucio Venna, Lorenzo Viani.

Un percorso che parla degli incontri nei celebri caffè, delle spiagge, le pinete, dell'idroscalo sul Lago di Massaciuccoli che ispirò molti lavori di aeropittura, poi le mostre che nascevano quasi spontaneamente negli stabilimenti balneari e negli alberghi.

La mostra è visitabile giovedì, venerdì, sabato e domenica in orario 15.30/19.30. Il prezzo del biglietto resta contenuto: 3 euro l'intero e 1,50 il ridotto. L'occasione è ghiotta per visitare anche la pinacoteca e la collezione di grafiche della Gamc, che conservano opere di maestri della pittura del diciannovesimo e del ventesimo secolo.

  • shares
  • Mail