Le opere di Gianni Dorigo alla nuova Sangallo Art station di Firenze

Gianni dorico_ottobre

La mostra di Gianni Dorigo inaugurerà giovedi 22 ottobre, e con essa prende vita una nuova galleria d'arte moderna a Firenze. Si chiama Sangallo Art Station, e dato l'inizio promette di diventare una realtà importante nel capoluogo toscano. Proseguirà fino al 6 gennaio la personale di Dorigo, navigato artista italiano con alle spalle più di una trentina di mostre.

Queta volta l'artista prende ispirazione dal cinema russo: lo stesso titolo della mostra, "Il pianeta delle tempeste" riprende l'omonimo film girato nel 1962 dal regista Klushantsev e che fu una delle prime pellicole di fantascienza che vennero trasmesse in Italia. Le opere esposte (circa trenta) evocano quei film: dalla mitica "Corazzata Potemkin" (più disprezzato che visto), a Ivan il Terribile, in una continua trasposizione dal cinema alla tela.

E Dorigo si diverte, in questa certo non pioneristica, ma sicuramente interessante trasposizione di generi. Si diverte a citare e citando a mescolare tecniche e stili, forte anche della sua conoscenza della comunicazione di massa e delle tecniche grafiche: fotocopie, colori a olio, le sue opere sono il tripudio della tecnica mista. Ottenendo sicuramente un buon risultato.

Gianni dorico

Gianni dorico_Il pianeta delle tempeste Gianni dorico_Solaris Gianni dorico_guerra e pace

  • shares
  • Mail