A Roma, le opere di Marianne Werefkin

Werefkin. Rappresentazione estiva

Al museo di Roma in Trastevere, fino al 14 febbraio, si potrà visitare la mostra "Marianne Werefkin. L'amazzone dell'avanguardia". Più di 80 opere tra tempere, disegni e schizzi ci mostreranno il percorso artistico della pittrice che, nata a Tula, in Lituania, nel 1860, e morta ad Ascona, in Svizzera, nel 1938, aprì le porte alla più famosa arte astratta.

La mostra seguirà i "tre periodi" artistici della Werefkin: quello influenzato da Kubin e Redon; quello in cui Werefkin fece di Munch la fonte ispiratrice delle sue opere e l'ultimo, lirico, espressivo, rendendo disponibile allo spettatore italiano un patrimonio di opere finora inedito nel nostro paese.

Pittrice quanto mai colta, frequentò Kandinsky, Münter, Marc, Klee; ma le sue amicizie, personali e artistiche, sono ben riconoscibili dalle sue opere: Gauguin, gli impressionisti e i neoimpressionisti e, soprattutto, l'onnipresente Munch.

Werefkin

Werefkin. Birreria all’aperto Werefkin. Gemelli Werefkin. Città in Lituania

  • shares
  • Mail