A Reggio Emilia, i quadri di Cavicchioni

Vittorio Cavicchioni. Le Reggiane

A Palazzo Magnani di Reggio Emilia, dal 29 novembre al 17 gennaio, 100 dipinti racconteranno nella mostra "La pittura del desiderio" l'itinerario artistico di Vittorio Cavicchioni (1920-2005), pittore di grande eclettismo e il cui stile, o sarebbe meglio dire: gli stili, hanno ripercorso le più importanti tendenze artistiche del secondo novecento.

La città di Reggio Emilia, dunque, rende onorer a uno dei suoi cittadini più illustri che, partito come scenografo teatrale, ha fatto della pittura la sua professione. Amico di molti dei protagonisti della vita culturale della città emiliana, Cavicchioni incomincia a dipingere secondo gli stilemi neorealista, diseganndo figure vagamente guttusiane.

Ma come si è detto, il suo stile fu in costante evoluzione: i suoi stilemi si avvicinarono alla poetica dell'astratto e successivamente a quella espressionista. Una mostre che, per chi vive a Reggio Emilia, è quasi d'obbligo andare a visitare; e che agli altri farà riscoprire, come spesso succede, la preziosità di quegli artisti che a torto vengono definiti "minori".

Vittorio Cavicchioni

Vittorio Cavicchioni. Le Reggiane Vittorio Cavicchioni. Nudo e vetrata Vittorio Cavicchioni. Licenziati dalle Reggiane

Vittorio Cavicchioni. Omaggio a Sade Vittorio Cavicchioni. Vigneto Vittorio Cavicchioni. La ragazzo di Soho
Vittorio Cavicchioni. Pianeta donna Vittorio Cavicchioni Vittorio Cavicchioni

  • shares
  • Mail