Cai Guo-Qiang, concettualismo cinese


La millenaria cultura cinese mescolata con il pensiero concettuale occidentale. Questo in estrema sintesi è il lavoro di Cai Guo-Qiang. Nato nel 1957 a Quanzhou City, nella provincia cinese di Fujian, è figlio di un professore di storia e di una pittrice.

Tra il 1986 e il 1995 ha vissuto in Giappone, dove ha potuto conoscere ed utilizzare la polvere da sparo all'interno dei suoi disegni e condurre i suoi esperimenti con gli esplosivi. La creazione di 'eventi esplosivi' su larga scala si è concretizzata poi con la serie Projects for Extraterrestrials. Dal 1995 si è trasferito a New York e il suo stile ha cominciato ad appropriarsi di una grande varietà di simboli, tradizioni e materiali, come il Feng Shui, la medicina cinese, draghi, montagne russe, aquiloni, barche, computer, animali vivi, e distributori automatici.

Cai vinse il Leone d'Oro alla 48ma Biennale di Venezia nel 1999. La sua ultima mostra 'Hanging out at the museum' è in corso fino al 21 febbraio 2010 al Fine Arts Museum di Taipei e presenta installazioni luminose, disegni esplosivi, ponti e draghi. L'installazione visivamente più potente è sicuramente 'Head on' che consiste in 99 repliche a grandezza naturale di lupi intenti a saltare contro un muro di vetro, formando uno spettacolare arco nell'aria.

Cai Guo-Qiang
Cai Guo-Qiang
Cai Guo-Qiang
Cai Guo-Qiang
Cai Guo-Qiang

  • shares
  • Mail