Holland Art Cities: le politiche culturali dell'Olanda


Alcuni di voi saranno in procinto di andare nei Paesi Bassi per le vacanze natalizie e io sono uno di quelli. Il progetto Holland Art Cities, partito nel 2008, ha creato un grande network che mette insieme città e mostre, nel segno della condivisione della programmazione e dei servizi al turista. Una politica culturale che proseguirà fino alla metà del 2011 e che ha portato 22 milioni di euro in più nelle casse dell’economia olandese.

L'economia delle città d'arte non è fatta solo di musei, ma anche di ristoranti, negozi, trasporti pubblici e servizi correlati alla ricettività. Le mostre organizzate in Olanda piacciono ai turisti europei ed anche agli americani, sono dislocate soprattutto nelle quattro città olandesi più grandi e i dieci musei più importanti del paese.

Sono molte le mostre in corso. Dal 24 gennaio 2010 al Gemeentemuseum Den Haag (L'Aja) una mostra ripercorre i passi di Paul Cezanne, a fianco di due altri grandi maestri: Pablo Picasso e Piet Mondriaan. Una sorta di duplice passaggio di testimone, da Cezanne a Picasso a Mondriaan che unisce opere che non sie rano mai viste insieme.

Fino al 3 gennaio 2010 a Palazzo Rietveld, nel Van Gogh Museum di Amsterdam, una speciale mostra sulle lettere di Vincent van Gogh, un'esperienza rara che ci porta al'interno della dimensione più intima dell'artista. Piccoli schizzi pieni di poesia e una calligrafia che è già dipingere. Ma il palinsesto di Holland Art Cities non finisce qui. In programma Kandinsky e il Blaue Reiter e molto altro.

Holland Art Cities
Holland Art Cities
Holland Art Cities
Holland Art Cities

  • shares
  • Mail