Progetto SMIR - Spazi Multimediali Innovazione e Ricerca


Arte, innovazione e piccoli comuni pieni di storia: è questo lo sfondo del progetto SMIR - Spazi Multimediali Innovazione e Ricerca che vede protagonisti Mondovì ed Embrun grazie ad un finanziamento europeo di cooperazione transfrontaliera guidato dall'associazione Marcovaldo.

Il progetto si svolgerà nell'arco di 5 anni (2007-2013), prevedendo il restauro di due plessi architettonici in disuso, rispettivamente la chiesa di Sant'Evasio e il convento dei Cappuccini, che si trasformeranno in centri-laboratori dedicati all'arte contemporanea. In particolare Sant'Evasio dovrebbe diventare un centro di produzione multimediale con un focus sull'arte digitale, come ha voluto dimostrare la prima cinque giorni che ha animato la cittadina a dicembre, con un programma ricco di workshop, performance e mostre sotto la direzione artistica del Piemonte Share Festival.

I lavori di restauro andranno dunque di pari passo con l'attivazione di processi culturali e iniziative che coinvolgeranno la cittadinanza e il territorio, mettendo a confronto l'esperienza francese e quella italiana. Già in primavera si prospettano interessanti iniziative che seguirò, sperando che effettivamente la cultura e l'arte digitale siano capaci di ibridarsi (e relazionarsi) con contesti locali lontani e così diversi dalle grandi metropoli.

Intanto è proprio grazie a SMIR che ho scoperto due interessanti progetti di cui vi parlerò nei prossimi post: SphèrAléas e PLOG.it.

[Foto in alto: preparazione della performance PLOG.it]

  • shares
  • Mail