Ram e Thayath, due artisti futuristi


L'aspetto più interessante di una mostra come Il Futurismo a Viareggio e in Versilia. Accadimenti e riflessi dal 1918 al 1940 non è certo la presenza di opere sensazioanali, quanto piuttosto la (ri)scoperta e la valorizzazione di alcuni artisti sfortunatamente dimenticati. Certamente le opere di Depero e Viani presenti alla Gamc di Viareggio sono degli autentici capolavori. Ma l'aspetto veramente unico di questo evento espositivo, che si protrarrà fino al prossimo 7 febbraio, è la nuova “emersione” di due artisti eccezionali come Ram e Thayath.

Ernesto Michahelles e Ruggero Alfredo Michahelles, Thayath e Ram, furono due grandi animatori della seconda ondata del Futurismo in Italia. I due usavano trascorrere molto tempo in Versilia, a Marina di Pietrasanta, dove partorirono molte delle loro bizzarre e geniali invenzioni. Il bellissimo e dimenticato Carro-Vela, l'ambizioso progetto di tavola da surf da guidarsi con le redini oppure la più famosa e rivoluzionaria Tuta, nata come abito futurista e diventata un oggetto diffuso in tutto il mondo. Insieme i due fratelli si folgorarono per la moda e si fecero conoscere anche a Parigi. Godettero di momenti di grande successo, quand prepararono le scenografie per l'Aida di Giuseppe Verdi del 1924.

Sabato 16 gennaio 2010 alle ore 17 alla Gamc Lorenzo Viani di Viareggio un incontro nel quale interverranno Alessandra Belluomini Pucci, Glauco Borella, Anna Laghi e Riccardo Mazzoni, ricorderà il percorso artistico dei due frartelli fiorentini.

Ram e Thayath
Ram e Thayath
Ram e Thayath
Ram e Thayath
Ram e Thayath

  • shares
  • Mail