Oscar Savio: architettura in bianco e nero al Macro

Oscar Savio. Albini Franco_Helg Franca_La Rinascente (Scala interna)_Piazza FIume,Roma_1957-61

Fino al 5 aprile, al Macro (museo di arte contemporanea di Roma), le fotografie di Oscar Savio (1912-2005) getteranno nuova luce su architetture d'autore: bianchi e neri che immortalano edifici costruiti, tra gli altri, da Portoghesi, Moretti, Del Bufalo, ai quali Savio era legato anche da un rapporto d'amicizia.

Figura centrale nella fotografia architettonica, Oscar Savio sapeva riprendere i soggetti con un uso mafistrale delle luci e, diversamente da quella che viene considerata la classica fotografia architettonica, sapeva creare luoghi "impossibili" attraverso la distorsione prospettica o la selezione metafisica dell'oggetto.

Degli esempi? Le scale della Rinascente, a Milano, che sembrano avvilupparsi nel punto di fuga della prospettiva; o la piccola fonte che vedete nella gallery, situata a Fiuggi e realizzata dall'architetto Moretti, che non sfigurerebbe in un quadro di De Chirico.

Oscar Savio

Oscar Savio. Albini Franco_Helg Franca_La Rinascente (Scala interna)_Piazza FIume,Roma_1957-61 Oscar Savio. Casa Papanice, 1966-70, Roma via Giuseppe Marchi, arch. V. Gigliotti, P. Portoghesi Oscar Savio. Fonti di Bonifacio VIII, 1965, Fiuggi RM, arch. L. Moretti

Oscar Savio. Italtubi, 1963-67, Roma via Emanuele Carnevale, arch. A. Livadiotti, S. Musmeci, Stegher, Cagliati Oscar Savio. . Palazzina a Poggio Ameno, 1961-64, Roma via Ettore Carpaccio, arch. M. Valori Oscar Savio. Paolo, 1931-55, Roma Piazza SS.Pietro e Paolo, arch. N. Ena, A. Energici, Al. Foschini, Ar. Foschini, A. Giannelli, V. Grassi, T. Rossi, C. Vetriani

  • shares
  • Mail