Le Mineralizzazioni di Stefano Abbiati

stefano abbiati

Dal 16 al 30 marzo presso MyOwnGallery (Via Tortona 27 - Milano) si inaugura la personale di Stefano Abbiati "Mineralizzazioni". A cura di Gianluca Marziani, la mostra ricalca la struttura della tragedia greca attraverso le circa 50 opere del giovane artista (classe '79).

Mineralizzazioni è un tema ricorrente nel "Canti del Caos" di Moresco che tenta di catturare i complessi meccanismi soggiacienti ai microcosmi, quella vitalità che scorre sotto il reale nell'atto di "mineralizzarsi". Le opere diventano cicli tra passaggi narrativi e metafore, seguendo la scansione della tragedia classica. Un prologo dal titolo "Fetus", ovvero una serie di opere sui feti, rappresentano la crescita evolutiva, la natura organica della nostra complessità adulta. Un testo del curatore (su una parete della galleria) identifica il parodo, o canto d'apertura del Coro. Il primo episodio si intitola Infanzia e riguarda alcune opere sul tema dei bambini, in cui Abbiati identifica il passaggio cruciale della mineralizzazione: il momento in cui un archetipo decisivo per l'individuo viene elaborato e codificato. Il secondo episodio, "MetaCirkus", riprende immagini antiche di spettacoli circensi in versione noir: il tema è l'ambiguità dell'apparenza. L’esodo, intitolato "Fissione Organica", mette al centro figure angeliche e demoniache in piena libertà, verso la catarsi finale. I commenti agli episodi (stasimo) sono tratti dal testo del curatore, che assume così una funzione analitica speculare a quella del coro.

Un lavoro complesso e Abbiati non mente di certo quando afferma: "Ho un gran bisogno di giocare con le parole perché queste hanno un peso specifico e un potere eccezionale". La mostra è a ingresso libero visitabile dalle 10 alle 20.

Interessante, inoltre, la struttura di Smartarea, una galleria d’arte contemporanea online nata nel 2008 che predilige gli strumenti del web 2.0. La dimensione comunicativa e commerciale della galleria è infatti sul web, mentre le sedi espositive delle mostre sono scelte di volta in volta in base a opportunità ed esigenze.

“Mineralizzazioni”, ad esempio, si potrà visitare alla MyOwnGallery, ma parallelamente il sito offrirà molte occasioni a collezionisti e amanti dell’arte per seguire e commentare la costruzione della mostra attraverso video su youtube, interviste all’artista, aggiornamenti continui su twitter e facebook. Oppure sarà possibile visitare la mostra direttamente online.

  • shares
  • Mail