Un discendente di ebrei defraudati di opere d'arte dai nazisti viene defraudato ancora

Una sentenza l'ha reso ufficiale: una collezione di stampe conservate al Deutsches Historisches Museum di Berlino resterà di proprietà del museo, anche se è stato dimostrato che è frutto di un esproprio nazista ai danni della famiglia di Peter Sachs, ebrea, che aveva fatto causa al museo.

La collezione vale 4,5 milioni di euro e fu strappata dalle mani della famiglia di Peter quando il padre di questi fu costretto dagli eventi a lasciare la sua patria.

Il Museo in questione è in comproprietà fra la Città di Berlino e il Governo tedesco. Sachs, ha intenzione di continuare con la sua battaglia legale.

  • shares
  • Mail