James Nachtwey a Seravezza. Report dalla mostra


Si va a vedere una mostra di James Nachtwey sapendo che non si va a fare una passeggiata. Ci sono stato proprio martedì scorso in compagnia di un amico. La location è il vecchio Palazzo Mediceo, che domina la cittadina di Seravezza, ai piedi delle Alpi Apuane, in Toscana. Il Mediceo nell’ultimo decennio è stato trasformato in un centro espositivo di grande qualità dedicato alla fotografia.

Le grandi sale del palazzo, in pietra grigia, accolgono morbidamente le foto di Nachtwey, integrando bene i numerosi bianchi e neri e dando risalto al colore, usato con più parsimonia. Se il bianco e nero in questo frangente ha un valore intrinseco, al di là delle potenzialità estetiche, è per il fatto che conferisce pari dignità a tanti e diversi dolori. Le vittime della guerra, della fame e dell’abbandono, raccontano le loro storie silenziose. Da principio un pugno alla stomaco, poi un annullamento dei sensi, un dolore che non può essere capito, non può essere compatito.

Se Nachtwey ce lo riporta, ce lo consegna, è per farne tesoro, perché gli altri non lo raccontano, ma queste sono le conseguenze delle decisioni che vengono prese a livello politico-economico. La denuncia sociale trova qui il suo compimento, non c’è bisogno di spiegare alcun antefatto o puntare il dito contro qualcuno di preciso. Siamo tutti coinvolti, anche se non direttamente responsabili. Quando la natura umana viene stravolta, usurpata, distrutta, è il nostro stesso animo che cigola.

La fame in Romania, la strage dell’11 settembre, la completa solitudine dei malati in Rwanda, la tragica esistenza delle persone con disabilità nei paesi del terzo mondo, eppure sempre la solidarietà si fa strada negli scatti di Nachtwey, il lieve volto di un bambino africano morto sembra aver trovato finalmente pace da una vita condannata ai morsi della fame.

Proprio qui, sul confine tra vita e morte, si colloca il senso profondo dell’allestimento che James Nachtwey ha realizzato a Seravezza. Come spiega in una nota all’inizio del percorso, il filo conduttore è la coesistenza di questi due momenti, in un mondo straziato e distrutto, che non nasconde.

All’inaugurazione Nachtwey non era presente, perché si trova ad Haiti a documentare il terremoto. Sarà a Seravezza a fine febbraio e porterà con sé alcune foto dall’isola dei Caraibi travagliata fin nelle viscere.

  • shares
  • Mail