A Roma, la "Pelanda", un nuovo spazio espositivo

A Roma, la Pelanda

Un grande inetervento di riqualificazione dona alla città di Roma un nuovo polo espositivo. Si chiama la Pelanda, e se a molti questa parola può non dir nulla, per un romano equivale senza equivoco al vecchio mattatoio di Testaccio, uno spazio di oltre 5000 metri quadri rimasto per molto tempo abbandonato.

Ora il mattatoio è stato ristrutturato seguendo un ideale conservativo: buona parte delle strutture originarie (e lo potete vedere dalla foto), sono state adattate alla nuova funzione. Un esempio? Le cisterne che un tempo servivano ad accumulare l'acqua si sono trasformate negli uffici dell'amministrazione.

La struttura ospiterà delle mostre legate al Macro, Museo di arte contemporanea di Roma, ma sarà molto più di uno spazio espositivo: è stato ricavato anche un teatro, infatti, una sala regia, una sala registrazione e delle aule formazione, in modo da far diventare questo luogo aperto alle sperimentazioni e all'attività artistica. La prima mostra? Il 3 marzo si inaugurerà "Digital future", video di artisti di fama internazionale.

A Roma, la

A Roma, la Pelanda A Roma, la Pelanda A Roma, la Pelanda

  • shares
  • Mail