Picasso e la sua scuola


Una grande mostra al Philadelphia Museum of Art, Picasso e l'Avant-Garde a Parigi (dal 24 febbraio), getta maggiore luce sul ruolo di pioniere che l'artista spagnolo ha giocato nello sviluppo del cubismo e il suo dialogo con il surrealismo e altri movimenti artistici importanti negli anni 1920 e 1930.

Se forse non possiamo parlare di una vera e proprio scuola di suoi seguaci, sappiamo che in settant'anni di intensissima carriera Picasso ha davvero lasciato il segno. L'appuntamento di Philadelphia traccia un percorso fatto di 200 dipinti, disegni e sculture di Picasso, Georges Braque, Juan Gris, Fernand Léger, Joan Miró, la cosidettà 'scuola di Parigi'.

L'arrivo nella capitale francese è del 1904 (a 23 anni), po il il vivace scambio con georges Braque tra il 1910 e il 1913, con cui avrebbe costruito un vocabolario condiviso e una tavolozza dei colori ridotta del beige, ocra, bianco e grigio. Una sezione della mostra intitolata Americani a Parigi tratta degli espatriati tra cui Max Weber, Charles Demuth, e Carles Arthur Beecher.

Picasso e l\'Avant-Garde a Parigi
Picasso e l'Avant-Garde a Parigi
Picasso e l'Avant-Garde a Parigi
Picasso e l'Avant-Garde a Parigi

  • shares
  • Mail