Uno Sguardo nell'Invisibile. De Chirico, Max Ernst, Magritte a Firenze

Inaugura venerdì 26 febbraio a Palazzo Strozzi di Firenze Uno Sguardo nell'Invisibile, un percorso che prende le mosse dall'intuizione metafisica di De Chirico. In un pomeriggio dei primi del novecento in Piazza Santa Croce a Firenze, il pittore ebbe quella visione che avrebbe condensato ne L'enigma di un pomeriggio d'autunno (1909-1910).

La mostra passa in rassegna quei pittori che James Thrall Soby definì after Picasso. Lasciata per un istante da parte la ricerca nel campo della forma, della luce e del movimento, la nuova pittura si nutriva di quella radice letteraria, filosofica, concettuale e fantastica scoperta da De Chirico. Accompagnano De Chirico René Magritte (La condizione umana, Il senso della notte, La chiave dei sogni), Carlo Carrà (Il gentiluomo ubriaco, L'ovale delle apparizioni, Il figlio del costruttore), Giorgio Morandi, Max Ernst (Oedipus Rex, Visione notturna della Porta Saint Denis), Balthus, Arturo Nathan, Pierre Roy, Alberto Savinio, Niklaus Stoecklin.

Curato da Paolo Baldacci, Guido Magnaguagno e Gerd Roos, il percorso si presenta come uno dei più grandi appuntamenti espositivi della primavera (oltre 100 le opere in mostra), visitabile fino al 18 luglio 2010. Assieme alla mostra su Caravaggio e i Caravaggeschi, Firenze ritrova finalmente la sua passione per l'arte moderna.

« Durante un chiaro pomeriggio d'autunno ero seduto su una panca in mezzo a Piazza Santa Croce a Firenze. Non era certo la prima volta che vedevo questa piazza...

Uno Sguardo nell\'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze


Ero appena uscito da una lunga e dolorosa malattia intestinale e mi trovavo in uno stato di sensibilità quasi morbosa. La natura intera, fino al marmo degli edifici e delle fontane, mi sembrava convalescente. In mezzo alla piazza si leva una statua che rappresenta Dante avvolto in un lungo mantello, che stringe la sua opera contro il suo corpo e inclina verso terra la testa pensosa coronata d'alloro. La statua è in marmo bianco, ma il tempo gli ha dato una tinta grigia, molto piacevole a vedersi. Il sole autunnale, tiepido e senza amore illuminava la statua e la facciata del tempio. Ebbi allora la strana impressione di vedere tutte quelle cose per la prima volta. E la composizione del quadro apparve al mio spirito; ed ogni volta che guardo questo quadro rivivo quel momento. Momento che tuttavia è un enigma per me, perché è inesplicabile. Perciò mi piace chiamare enigma anche l'opera che ne deriva ».

Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze
Uno Sguardo nell'Invisibile - Palazzo Strozzi Firenze

  • shares
  • Mail