A Napoli apre il Museo del '900


Apre ufficialmente oggi venerdì 5 marzo a Castel Sant’Elmo, Novecento a Napoli (1910 / 1980) – Per un Museo in progress. Pittura, scultura e sperimentazioni grafiche, vanno a comporre il nuovo Museo con 170 opere realizzate da 90 artisti napoletani e alcuni forestieri.

Opere
provenienti dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, dal Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, donazioni e opere in comodato. L'allestimento è curato da Angela Tecce e Nicola Spinosa e si snoda attraverso diverse sezioni: la Secessione dei ventitré (1909); il primo Futurismo a Napoli (1910-1914); il movimento dei Circumvisionisti e il secondo Futurismo (1920 - 1930); il secondo dopoguerra (1948-1958); il Gruppo Sud; il Neorealismo, il gruppo M.A.C.; l'Informale e il Gruppo ’58.

Una sezione a parte è dedicata agli anni Settanta, con le sperimentazioni della poesia visiva e i suoi risvolti sociali. L'ultima parte dell'allestimento si confronta invece con la contemporaneità più prossima, a partire dai segni lasciati negli anni '80. Tra gli artisti in mostra ricordiamo: Enrico Baj, Tommaso Marinetti, Giovanni Brancacci, Edoardo Pansini (nella foto), Edgardo Curcio, Edoardo Giordano (Buchicco) e davvero molti altri. Artisti maggiori e minori, ma soltanto nella fama, che non hanno nulla da invidiare per poetica e stile ai grandi maestri del '900. Un Museo che dà nuova linfa alla città di Napoli e finalmente spazio a tante voci che rischiavano di essere dimenticate.

Foto in galleria di Luciano Pedicini, via Civita

Il Museo del \'900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli
Il Museo del '900 a Napoli

  • shares
  • Mail