Ucciso per 70mila euro il gallerista Schubert, icona dell'arte a Milano

Galleria Schubert

Ucciso per 70mila euro: il corpo di Giovanni Schubert, proprietario della celebre galleria Borgogna di Milano, è stato trovato ieri scomposto in piccole parti nell'Alzaia naviglio pavese. Gli inquirenti si sono messi subito all'opera, e oggi sono giunti a scoprire il colpevole e il movente.

A indirizzare gli inquirenti verso Matteo Chigorno, 36 anni, responsabile dell'omicidio, è stato il genero della vittima, che era al corrente di un appuntamento di Schubert con una persona, Matteo Chigorno, appunto, in serata. Chigorno, commerciante d'arte, dunque, è l'ultima persona che Schubert ha incontrato prima della scomparsa.

E ora il movente: all'origine del gesto efferato ci sarebbe stat una discussione su 70mila euro, il ricavato della vendita di due quadri di Gudmundur Erro. Chigorno, "allievo" di Schubert, ha improvvisamente perso la testa e ucciso il gallerista. Milano piange una delle sue istituzioni più antiche.

  • shares
  • Mail