‘Spaccato’ il pezzo di Ericailcane a Pisa


Lo scorso settembre vi avevamo parlato di ‘N-Joy-Street, l'evento di street e urban culture realizzato dall'Associazione Joyride, in cui è stato dipinto il sottopasso di via Quarantola a Pisa. Una bella iniziativa, che ha messo insieme writers, artisti, muralisti all'insegna del confronto sulle tecniche, gli stili, i punti di vista. Un sottopasso automobilistico può essere attraversato tranquillamente a piedi, ma nella maggior parte dei casi viene transitato di gran fretta nel saliscendi. I graffiti hanno così una resa strana, quelli che si sviluppano per lungo, in orizzontale, si percepiscono bene anche passando con la macchina.

Uno dei pezzi più belli di ‘N-Joy-Street era quello realizzato da Ericalilcane. Rappresentava una grande scena con un elefante seduto intento a rompere degli aeroplanini giocattolo e una serie di topastri impauriti ed atterriti che scappavano in ogni dove. Se sto usando l'imperfetto un motivo c'è. Lo scorso sabato il pezzo di Ericalilcane è stato spaccato, coperto, rovinato in malomodo dall'azione di qualche finto graffitaro invidioso. Destino sfortunato per questo bel lavoro di Ericailcane (vi ricordate anche del Gallo a Grottaglie che era stato coperto su richiesta dei cittadini?), che è vissuto solo 5 mesi. Rimane da comprendere cosa ci sia dietro a questo gesto, se non l'ignoranza e la totale disaffezione verso l'arte e la creatività .

A Pisa la brutta storia ha colto un po' tutti di sorpresa, ma c'è anche chi non dà molta importanza all'accaduto. Esistono le hall of fame, le murate collettive a disposizione dei writer, in cui i graffiti si succedono uno sull'altro e non resistono che qualche mese. Nella pratica quindi, dipingere qualcosa di nuovo dove c'è già un graffito, è normale. Le cose qui sono però diverse. Chi ha coperto il pezzo di Erica l'ha fatto con la palese intenzione di rovinarlo, non cercava certo spazio per dipingere. Se anche l'avese voluto, avrebbe trovato dei buchi liberi, incastrandosi tra un pezzo e l'altro, nel sottopasso. Qui c'è stata l'intenzione premeditata di compiere uno spregio, di farlo con arroganza (sembra che questo Skam sia stato visto imbrattare in pieno giorno). Forse c'è da pensare che si siano accaniti su Ericailcane perché è stato uno dei pochi (in tutto 3 artisti per 'N Joy Street) a dipingere con pennelli e non con bombolette spray. Uno spregio che dice: qui comando io, comandano le bonze e la legge del più str**zo.

Ma a vederla bene, tutta questa storia, parla di invidia, di piccolezze, di 'fascismo culturale' e chiusura mentale. Per metterci giusto qualche puntino di sospensione, chiamiamo in causa proprio lo stesso Ericailcane che parla di sé come di “un nome collettivo o uno pseudonimo personale, nasce tra alpi ed appennini, non ha un volto, ma ha occhi e mani, vede e disegna. È il cibo di ogni giorno rimasticato e maldigerito, è un collage d’altri mondi e tempi, parla d’incubi come fossero sogni, parla d’animali come fossero uomini, dice che gli uomini altro non sono che animali”.

Ericailcane a Pisa (prima e dopo)
Ericailcane a Pisa (prima e dopo)
Ericailcane a Pisa (prima e dopo)

  • shares
  • Mail