A Venezia, grande mostra sulla Russia

Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario

Saranno tre Russie quelle che si potranno osservare alla Cà Foscari Esposizione di Venezia, tra il 21 aprile e il 25 luglio. La mostra "Russie! Memoria/Mistificazione/Immaginario", infatti, vuole mostrare in oltre cent'anni d'arte la Russia delle avanguardia, quella del realismo socialista degli anni '30-'50, fino all'underground e agli anni '90.

E lo fa con le opere messe a disposizione da due grandi collezioni, quella di Morgante e quella di Sandretti. Per la parte del realismo socialista, ovviamente, largo spazio troveranno i manifesti, con il quale il potere mistificava, illudeva, creava aspettative paradisiache per il popolo russo. Ma ad affiancare queste opere ci saranno anche preziose opere del periodo prerivoluzionario.

Le più attese, probabilmente, saranno quelle di Chagall e di Kandinskij; ma ci saranno, tra gli altri, anche Benois, Tatlin e Fal’k. Per la parte underground, verrà ricreata una parte di quella che nel 1977 venne definita la "Biennale del dissenso", e che consacrò l'underground moscovita all'attenzione di tutti. Per la prima volta, tre Russie (diverse? e se sì, in cosa?) ci parlano dallo stesso luogo.

Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario

Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario

Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario Russie!Memoria/Mistificazione/Immaginario

  • shares
  • Mail