Il miglior pubblico di mostre d'arte? I giapponesi


Secondo una ricerca pubblicata dal magazine inglese The Art Newspaper sono i giapponesi i più accaniti visitatori di mostre d'arte. Nella speciale classifica di mostre d'arte più importanti del mondo nel 2009, la mostra Ashura, al Museo Nazionale di Tokyo, che presentava una delle più celebri statue buddiste del Paese e altri autentici tesori del tempio Kohfukuji, è risultata la prima della lista.

Una sorprendente media di 15.960 persone al giorno, 946.172 in totale, che situano la mostra al Museo Nazionale di Tokyo davanti a quella al Nara National Museum, la "61a Mostra annuale dei Tesori di Shoso-in", che ha totalizzato 14.965 presenze giornaliere. Terza e quarta posizione occupata sempre da mostre in Giappone "Tesori delle collezioni imperiali" al Museo Nazionale di Tokyo (9.473 presenze giornaliere) e e "La pittura del 17 ° secolo del Louvre" al Museo Nazionale di Arte Occidentalw (9.267 presenze giornaliere).

In quinta posizione finalmente ci si sposta in Francia dove il Musée Quai Branly con la "2 ° Biennale Photoquai" ha richiamato 7.868 persone al giorno, seguita da quella al Grand Palais “Picasso ei maestri" (7.270) e "Kandinsky" al Centre Pompidou (6.553). Di seguito tiene ancora New York nelle prime quindici posizioni mentre l'Italia è fanalino di coda con Beato Angelico: l'alba del Rinascimento, al 95° posto.

Ma ci sarà da fidarsi di questi dati? Di sicuro fotografano una tendenza: l'incapacità che abbiamo nel Belpaese di diffondere una 'cultura per l'arte' e la grande consapevolezza e serietà dei giapponesi nell'apprezzare il loro e l'altrui patrimonio artistico.

  • shares
  • Mail