"Haunted": fotografia al Guggenheim

Miranda Lichtenstein's

Dal 26 marzo al 6 settempre al Guggenheim di New York si potrà vedere un'interessante mostra fotografica e video: “Haunted: Contemporary Photography/Video/Performance”. L'intento è quello di riflettere sull'ossessione delle immagini, sul processo che, partito dagli anni '60 con Warhol, ha riportato la fotografia alcentro della composizione artistica.

Ma l'ossessione è anche (e soprattutto) quella verso il passato: attraverso una sessantina di opere di artisti affermati o nuovi nomi. E la fotografia si sposa, a partire dagli anni '70, con la performance: ne crea un repertorio visivo che coglie l'istante che, per la performance più di qualsiasi altra arte, è fuggente.

E così ritroviamo le immagini di performance di Marina Abramovic, Ana Mendieta e Gina Pane; ma anche gli scatti di Spencer Finch, Ori Gersht, Roni Horn, Luisa Lambri. Una mostra che riflette sull'immagine fotografica - la forma d'arte che è più vicina alla sensibilità di oggi - partendo dalla radice, dalle origine, mostrandoci che molto spesso, dietro all'opera d'arte, ci sono delle vere e proprie ossessioni.

Miranda Lichtenstein's Sally Mann's Sarah Anne Johnson

Joan Jonas Hunted. Guggenheim Ms. Johnson's

  • shares
  • Mail