Incoraggianti segnali di ripresa per il mercato dell'arte nel 2010

Dopo un periodo di incertezza e di buio, il mercato dell'arte sembra essere vicino ad una ripresa. Lo dicono le case d'asta ed i collezionisti, che dopo lunghi mesi di stand by, tornano a registrare cifre di vendita da capogiro.

Volete qualche prova? Basta vedere a quanto è stato venduto un quadro di Salvador Dalì, Donna invisibile che dorme, cavallo, leone. Un olio su tela del 1930, venduto per 9,5 milioni dollari lo scorso mese.

Cosa dire poi dell' Uomo che cammina, io, di Alberto Giacometti che nel febbraio di quest'anno ha raggiunto i 104,3 milioni dollari, il record per una vendita all'asta? Per adesso la ripresa coinvolge soltanto i grandi maestri, i cui solidi risultati rafforzano la fiducia degli investitori e incoraggiano i proprietari di capolavori a rientrare sul mercato. Che dire...sebbene l'arte sia un sentimento nobile e profondo, il suo mercato risponde sempre alle tristi dinamiche della speculazione finanziaria.

  • shares
  • Mail