On line, un sito con le opere sequestrate dai nazisti

Chagall - Vg Bild-Kunst, Bonn

E' on line da pochi giorni un sito che apre gli occhi su un pezzo di storia dell'arte e di storia tout court. Il sito è "entartetekunst.geschkult.fu-berlin.de", e raccoglie per la prima volta le opere d'arte che il nazismo fece scomparire nel nulla. Più di 21.000, tra quadri e sculture, e tra queste opere 10.000 non sono mai tornate alla luce. Altre, trafugate, sono giunte, non si sa come, molto lontane.

Il quadro qui sopra, ad esempio, è stato realizzato da Chagall tra il 1911 e il 1912, e dalla Germania è finito addirittura al Museum of Art di Philadelphia. Ma altre opere non sono state così fortunate. Sul sito ci sono anche dei quadri mai più venuti alla luce: e tra questi ci sono opere, tra gli altri, di Giorgio De Chirico.

Nella sezione "desiderate", inoltre, ci sono opere di cui non si conosce nulla: né autore, né titolo dell'opera, né tanto meno da dove siano state sottratte. E il fatto è che i legittimi proprietari non potranno mai più avere indietro le loro opere, in quanto è ancora in vigore una legge del 1938 che prevede la sottrazione "senza risarcimento" delle opere.

Una pecca del sito è che è consultabile sono in lingua tedesca. Pare che i responsabili del progetto, alcuni studiosi della Freie Universität di Berlino, ne metteranno on line una versione anche in inglese.

  • shares
  • Mail