Il Salon di Arturo

Arturo? Niente meno che uno studio creativo romano dedicato ad illustrazione, grafica e animazione in via dei piceni 11, a San Lorenzo. Il nome potrebbe trarre in inganno, è infatti quello di un maschio che non ha volto. Ma dietro ad Arturo ci sono cinque donne: Amalia, Bernadette, Cecilia, Elena e Irene, che hanno scommesso sulle potenzialità del colore e non si sono date limite alcuno di spazi e di supporti.

“Dal più piccolo pezzo di carta ai muri dei palazzi”, design urbano, progettazione di oggetti, vestiti, Arturo è uno studio di arti applicate che non rinuncia all'originalità e alla freschezza dei linguaggi artistici contemporanei. Il 7 maggio (h 19) inaugura Il Salon di Arturo, un grande salotto in cui tutti sono invitati ad entrare e a partecipare alla sua personale in un ambiente intimo e domestico. La mostra sarà visitabile fino al 26 maggio presso lo spazio Rgb46 - Relax, Gallery & Books, in Piazza Santa Maria Liberatrice, 46.

Arturo si muove con ironia tra cultura alta e subculture e fa il verso al Salon de Refusés, in un gioco di rimandi tra la storia dell’arte e dell’anti-accademismo, e la propria irriverente, “fresca” produzione. Attraverso Arturo oguna delle cinque artiste espone brandelli di sè, strappati da desideri e paure che imprimono su tela, passioni che coprono di colore, sofferenze incise su carta e pensieri profondi serviti su vassoi d’argento ridipinto, accanto a torte al cioccolato da tagliare con coltelli arroventati. Perchè Arturo è caustico e sbarazzino, inesistente eppure vivo e presente attraverso le sue opere; è uno e quintuplo, e, devo ammetterlo, ha un bel salotto” (dal testo critico introduttivo di Emanuela De Notariis)

Arturo
Arturo
Arturo
Arturo

  • shares
  • Mail