L'ex proprietaria della "Bella Principessa" di Leonardo fa causa a Christie's


La cosiddetta "Bella Principessa", dipinto recentemente attribuito a Leonardo da Vinci, continua a far parlare di sé, anche al di là della mostra di Goteborg che per prima la espone agli occhi del vasto pubblico.

La sua ex proprietaria, che la affidò a Christie's per la vendita, prima che il dipinto fosse attribuito a cotanto maestro del Rinascimento italiano, ha deciso ora di fare causa alla casa d'aste, per via della "negligenza" che avrebbe dimostrato nel "vendere per 11.400 sterline un dipinto che ne poteva valere almeno 100 milioni".

Vale a dire, venderlo a una cifra pari allo 0.01% del suo potenziale valore. Possiamo capire perfettamente i motivi dietro la "devastazione" di Jeanne Marchig (sono le sue parole, riportate dal Guardian), ma certo non può incolpare Christie's di una mancanza cui solo i massimi specialisti di storia dell'arte hanno saputo sopperire. Forse un po' tardi per lei, siamo d'accordo.

  • shares
  • Mail