Museo Teatro alla Scala: un vanto centenario celebrato con una mostra

Il prestigioso Museo Teatro alla Scala, vanto meneghino per l'Italia nel mondo, compie quest'anno 100 anni. Un patrimonio tutto italico prezioso e da custodire. Secondo Pisapia ( e non solo), un tesoro centenario che rende grande il nome di Milano nel mondo.

In Italia abbiamo un ricchissimo patrimonio artistico e culturale da valorizzare e custodire come se fosse la più preziosa delle eredità. Tra le fila delle numerose opere architettoniche, musei, gallerie d'arte, piccole opere e grandi capolavori, non si può non parlare di una gemma del Nord Italia, uno dei grandi simboli della Milano più apprezzata a livello internazionale: il Museo del Teatro della Scala, che quest'anno raggiunge un compleanno importante, ben 100 anni dall'apertura ufficiale.

Il Museo del Teatro alla Scala è un patrimonio di tutti che rende grande il nome di Milano nel mondo. L’inaugurazione della mostra ‘1913-2013 – Un Tesoro Centenario’ è il modo migliore per festeggiare il compleanno dei cento anni del Museo che oggi si presenta al pubblico con ancora più energia e ancora più creatività. Migliaia di tesori si trovano all’interno di questo scrigno prezioso, molti dei quali sono stati scelti per raccontare attraverso un viaggio lungo un secolo la storia di Milano, dei suoi artisti – come Verdi e Wagner di cui ricorre il bicentenario della loro nascita - e di coloro che hanno reso grande il Teatro alla Scala in Italia e nel mondo. Ogni anno questo Museo è visitato da centinaia di migliaia di persone alla scoperta dei segreti della storia della lirica, dell’opera e delle emozioni che scenografie, note e costumi diffondono attraverso le rappresentazioni scaligere.

Queste sono state le parole orgogliose del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia durante l’inaugurazione della mostra 1913-2013 – Un Tesoro Centenario.

Il Museo Teatro alla Scala di Milano ha aperto i battenti un secolo fa, negli anni si è però costantemente aggiornato, rimanendo più che al passo con i tempi, fino al momento di piena entrata nell'era del digitale, sperimentandone tutti i media innovativi. Lo dimostra il sito ufficiale del Museo, con un'ampia sezione dedicata alle visite e alle mostre, permettendo l'accesso alle sale museali anche virtualmente.

Per quanto riguarda l'esposizione per celebrare il centenario d'apertura, la mostra attualmente in corso, sarà accessibile fino al prossimo 31 dicembre 2013, con orari d'apertura 9.00-12.30-13.30-17.00. La mostra si sviluppa a partire dalla storia del Museo Teatrale, sin dai suoi albori con la prima sezione La nascita del Museo, che narra l'origine della collezione e degli spazi.

Si continua con Gli autografi di Verdi, con in scena documenti dall'immenso valore come il manoscritto autografo della Messa da Requiem rimasto nel patrimonio della Scala. Si segue con un omaggio a Wagner nelle collezioni del Museo, qui si possono osservare i bozzetti e figurini di allestimenti, e una famosa lettera di Richard Wagner ad Arrigo Boito. Per finire con tutti i grandi protagonisti della Scala, della Lirica mondiale e della più sublime musica classica: Rossini, Cimarosa, Bellini, Mozart, Beethoven, Berlioz. Accanto ai materiali storici trova spazio anche un allestimento multimediale, a cura di Vittoria Crespi Morbio, nelle sale superiori del Museo che ospitano la Biblioteca, ricca di 150 mila volumi.
.

  • shares
  • Mail