Pistoletto ad Assisi per il Terzo Paradiso


Con il solco dell'aratro sospinto da Michelangelo Pistoletto sono partiti ufficialmente i lavori di restauro del Bosco di San Francesco ad Assisi. L'iniziativa, promossa dal Fai - Fondo Ambiente Italiano, prevede la creazione di un grande percorso a piedi, tra natura, arte e spiritualità, per riconferire valore ai luoghi in cui il santo visse e mise in pratica le sue riflessioni.

Pistoletto da tempo collabora col Fai e nell'ultima fase della sua ricerca si è spinto ad affrontare le dinamiche che legano l'uomo al sensibile e all'ultrasensibile. Mi piace ricordare il suo “Luogo multiconfessionale di raccoglimento e di preghiera”, una stanza per tutti i credenti posta nell'ospedale di Marsiglia.

Col segno del Terzo Paradiso l'artista di Biella ha aggiunto 'una pancia' al segno dell'infinito, per dare una rappresentazione visiva di un nuovo mondo, un paradiso terrestre che segna un ricongiungimento, l'affiorare dell'armonia definitiva tra l'uomo e la natura.

Adesso, mi chiedo in che modo quest'opera di land art potrà essere mantenuta e preservata dalle pioggie...

  • shares
  • Mail