Un lungo weekend romano da FoodPower, al MAXXI a LPM 2010 [PART 3: comemnti e curiosità da LPM 2010]

LPM 2010 foto

Con un po' di ritardo eccovi anche le foto da LPM 2010. Conosciamo molto bene la manifestazione, abbiamo ascoltato il bel racconto di Marco Donnarumma e quello che voglio aggiungere io per l'edizione di quest'anno è una la frase di un giovane artista dell'accademia di Brera, attivissimo: lo ritrovo a Transmediale a Berlino, al Node Fest, ad AHAcktitude e anche qui. Dice due cose bellissime. Io: "Ma sei anche qui". Lui: "Beh, mangio pollo tutto l'anno per pagarmi i biglietti e le tresferte e poi qui in tre giorni ai workshop imparo quello che imparerei in tre mesi in accademia".

Un'altro punto riguarda invece la mostra "Cease & desist Art: yes this is illegal!" curata da Simona Lodi e inserita nel programma nella giornata delle libertà digitali, classico appuntamento di apertura di LPM del giovedì. La mostra, una selezione di opere al limite della legalità fra plagiarismo, azioni di hacking, disturbo e pirateria, riflette provocatoriamente su come gli artisti (e in particolare gli artisti digitali) oggi non abbiamo più bisogno di un buon avvocato che di gallerie e curatori. Come dimostrano le numerose lettere di "cease and desist" ricevute da corporation, istituzioni e personaggi pubblici, ormai a loro volta un quasi-trofeo a testimoniare la libertà dell'atto creativo nella Corporatn Age. Se non che, a quanto pare, la curatrice qualche giorno fa ha ricevuto a sua volta una di queste lettere da un gruppo di artisti inclusi nella mostra (che è stata sviluppata esclusivamente online) senza il loro consenso.

Che si tratti di un fake o che gli artisti siano realmente intenzionati a perseguire l'azione legale, la lettera sta circolando sul web e l'opera in questione non è stata rimossa: staremo a vedere come si svilupperà questa curiosa vicenda e se la curatrice dovrà seriamente rivolgersi ad un avvocato...

Infine a questo link una prima galleria fotografica con le più belle immagini dall'evento.

  • shares
  • Mail