Blu al Fame Festival 2010


Per il terzo anno consecutivo va in scena a Grottaglie, in provincia di Taranto, il Fame Festival, organizzato da Angelo Milano di Studio Cromie. Tutto era cominciato come un gioco, portare in Puglia a lavorare nel corso dell'estate i migliori street artist a livello internazionale ed organizzare un'apertura ufficiale per settembre. Oggi il Fame è una realtà conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo perché gli spazi a disposizione ed il paesaggio di Grottaglie sono davvero unici.

Al contempo, la selezione degli artisti avviene esclusivamente per invito e non segue nessun 'diktat' di moda o stile. In quest'angolo d'Italia si ha davvero fame di creatività e soprattutto si ha bisogno dell'aiuto dell'arte per coinvolgere attivamente le persone, renderle consapevoli riguardo i pericoli che incombono su di loro e le possibilità di una crescita a livello culturale. Qui si fa politica intesa come 'interesse di molti', difesa del patrimonio comune, che vuol dire soprattutto difesa dell'ambiente, dell'aria e del suolo che calpestiamo. Forse l'arte ci può aiutare a denunciare gli sprechi e le scelleratezze che governanti e faccendieri perpetrano ogni giorno e riflettendo su tutto ciò che è inequo e insostenibile possiamo pensare ad un'alternativa a livello culturale.

Così è sceso giù in Puglia Blu, che l'altr'anno al fame aveva dato un'eccezionale prova della propria genialità, inventando insieme a Dave Ellis quel capolavoro di video-live-painting nella masseria che è 'Combo'. Oggi Blu ci presenta la sua torta ripiena, ce la serve su un piatto di ceramica tradizionale locale, dipinta direttamente sul lato di una palazzina. Sulla superficie esterna, gli olivi dominano il paesaggio, ma quando si va per tagliar una fetta, si scopre che le radici degli alberi affondano nei rifiuti, scarti tossici e scorie di lavorazioni radioattive.

Blu al Fame festival 2010
Blu al Fame festival 2010
Blu al Fame festival 2010
Blu al Fame festival 2010
Blu al Fame festival 2010

Per quanto un'opera d'arte sia frutto di un processo di fantasia, la realtà è che negli ultimi decenni sono confluiti proprio da queste parti i peggiori rifiuti provenienti da tutta Europa. Il buisiness dello smaltimento paga evidentemente bene e così, in questo ed altri Sud, si sono presi tutti i resti inquinanti delle lavorazioni industriali più pericolose.

Dal punto di vista stilistico, il pezzo di Blu presenta una tavolozza cromatica piuttosto ampia, dal momento che è solito lavorare con pochi colori. A vedere dalle foto a vernice non sembra applicata a più strati e l'effetto finale sembra quasi quello di un disegno a pennarello.

Seguiteci su queste pagine, nei prossimi giorni vi presenteremo i nuovi lavori realizzati in queste settimane a Grottalie da artisti del calibro di Sam 3, Os Gemeos e molti altri. Nel frattempo, tenetevi liberi per le giornate del 24-25 settembre 2010. C'è da giurare che a Grottaglie ne vedremo delle belle!

  • shares
  • Mail