Nuovi collezionisti fra la classe media russa


La notizia che le case d'asta di tutto il mondo stiano facendo una corte serrata ai compratori russi, non ci giunge certamente nuova. L'aspetto forse più interessante è che stanno nascendo nuovi collezionisti all'interno della classe media, la nuova borghesia in ascesa.

I primi segnali in queso senso riguardano le vendite d'arte russa a Londra nelle scorse settimane, dove si sono dati appuntamento magnati e non solo della Russia e dell'Ucraina. Gli stessi che negli ultimi anni hanno decretato il grande successo dell'arte moderna e contemporanea dell'ex Unione Sovietica, per non parlare degli impressionisti russi.

Così un pezzo come quello che vedete in foto, The Black Gobi di Nicholas Roerich, dipinto tra il 1929 e il1930 (una tempera su tela di dimensione 74.7 x 117 cm), dovrebbe realizzare una cifra che si aggira tra gli 800 mila e il milione di euro.

Come dicevamo poi, per la prima volta, venerdì 11 giugno la casa d'aste MacDougall's organizzerà una vendita separata di opere su carta provenienti dalla Russia, nel tentativo di arrivare ai clienti meno facoltosi. Naturalmente è possibile partecipare all'asta anche online.

  • shares
  • Mail