Muore Sigmar Polke, maestro della pop art europea


Lutto nel mondo dell'arte. A 69 anni si è spento giovedì notte il pittore tedesco Sigmar Polke, da tempo malato di cancro. Considerato uno degli artisti di maggior rilievo della scena pop-art europea, Polke iniziò a far parlare di sé tramite il sodalizio con l'artista Gerhard Richter con il quale diede avvio al movimento del realismo capitalista nel 1963.

Considerato oggi, uno dei precursori della pop-art europea, o quanto meno uno dei fenomeni artistici europei che più si avvicinava al linguaggio pop praticato oltreoceano quella del realismo capitalista resta l'esperienza più significativa dei primi anni di attività di Polke che poi tornerà a fare parlare di sé quando negli anni 80 creò le sue prime opere "usurabili".

Tramite l'utilizzo di lacche e vernici particolari Polke riusciva a creare delle opere che risentivano del passare del tempo e delle condizioni atmosferiche in cui si trovavano; un'operazione che oltre a valergli un grande ritorno di notorietà gli fece aggiudicare importanti premi oltre all'accesso ad alcuni dei contesti più prestigiosi del mondo dell'arte: tra cui il Leone d'Oro alla Biennale di Venezia del 1986.

  • shares
  • Mail