Homeboy - Ryan Spring Dooley

Ci sono dei casi in cui è la poesia che sta dietro un'opera a farne un pezzo d'arte. Al di là della tecnica, dei contenuti, è proprio quest'approccio da poeta, da uno che si lascia affascinare ed attraversare da molteplici stimoli, che più mi colpisce nei lavori video di Ryan Spring Dooley.

Homeboy
è la sua animazione che parla di immigrazione, di movimenti di persone, contatti, differenze. Domande che si materializzano e scompaiono nei meandri dell'indifferenza. Piccole storie vissute in prima persona in cui è facile sentirsi coinvolti.

Semplice, elegante, veloce, un video che è una canzone, una canzone che si compone di rumori ed un narratore esterno, la cui voce è la somma di tutti gli elementi che sullo schermo appaiono.

  • shares
  • Mail