Tra il design e l'arte, il New Décor in mostra a Londra

Comfortably Numb di Tom Burr - The New Decor - Hayward Gallery - Londra

La casa arredata da artisti. The New Décor, la mostra visibile fino al 5 settembre alla Hayward Gallery, corre in contemporanea con Neto. Ma a differenza di quest'ultima l'ho trovata spoglia (che sembra un controsenso visto l'aspetto decorativo delle opere) e inavvicinabile (con la scarsa eccezione di pochi lavori).

Opere recenti di vari e fortunati artisti (36 da 22 nazioni), il nuovo Décor atterrisce. L'obiettivo del curatore è quello di mostrare l'ansia del vivere moderno, dove, a dispetto dei cataloghi d'arredamento, la casa è un luogo che può rivelarsi cupo oltre che ironico. E c'è riuscito. Ma molte delle opere in mostra più che trasmettere emozioni, mi hanno stufato (con l'eccezione di Mona Hatoum e Elmgreen & Dragset). I surrealisti proponevano altrettante inquietitudini in tempi più lontani (e giustificati, lo spettro delle guerre mondiali).

La Hatoum in Interior Landscape mostra una stanza desolata che c'è ma non può essere abitata, perché i suoi residenti sono stati mandati via. E' così che ci si sente ad essere palestinesi? In quanto a Elmgreen & Dragset, dopo averli visti a Venezia, per me saranno sempre tra i miei preferiti. Le loro installazioni riproducono oggetti reali e funzionali, solo che, loro come riproduzione, non funzionano e non sono reali. Il paradosso dell'assurdo (e includono spesso lavori di altri artisti).

  • shares
  • Mail