La rotta della speranza: Ivo Batocco sull'emigrazione in mostra a Trastevere

Le tematiche dell’emigrazione per i dipinti di Ivo Batocco.

La rotta della speranza | Ivo Batocco | l'emigrazione in mostra a Trastevere, AT29 - cm 100x120

Dolore, disperazione, ma anche un pizzico di attesa, nelle opere incluse nella mostra "La rotta della speranza", che racconta l'emigrazione di ieri attraverso i quadri di Ivo Batocco che saranno esposti al Museo di Roma in Trastevere dal 9 novembre al 8 dicembre 2013. Un'esposizione curata da Alberto Mazzacchera, con testi in catalogo del medesimo e Arnaldo Romani Brizzi, che sarà inaugurata venerdì 8 novembre, a partire dalle ore 18:00 e alla presenza dello stesso artista.
La storia di viaggi definitive, di valigie di cartone, di pianti e di sofferenza, quella dell'emigrazione italiana e sammarinese, un fenomeno da circa 29 milioni di partenze registrate tra il 1861 e il 1985, tanto nutrito da permettere di parlare senza esagerazioni di un'Italia fuori dall'Italia, con 60 milioni di cittadini di origine nostrana spersi per il mondo.
Persone andate oltre i confini del paese, da ritrovare in una mostra di dipinti su tela e chine già esposta in selezione ridotta al Museo dell'Emigrante di San Marino (20 ottobre - 15 novembre 2012), per poi raggiungere l'ancien Musée de Peinture di Grenoble (4-19 maggio 2013), il prestigioso chiostro della monumentale ex Abbaye de Neumünster della città di Lussemburgo (26 luglio - 23 settembre 2013) e infine proprio la madrepatria dalla quale molti hanno "veleggiato verso altri lidi".

La rotta della speranza | Ivo Batocco | l'emigrazione in mostra a Trastevere, PA13 - cm 120x100

Ed è esattamente nel nostro paese che un tale percorso assume un nuovo significato, riportando l'attenzione su una realtà rimossa per il suo innegabile legame con una povertà endemica e fastidiosa (i cui aloni sono stai cancellati a fatica durante gli anni del miracolo economico), obbligandoci a guardare diversamente i volti dei tanti migranti che approdano quotidianamente sulle nostre coste rimembrando in un doveroso esercizio di memoria collettiva i tempi nei quali in barche simili c'erano i nostri antenati.

Via | museodiromaintrastevere.it

  • shares
  • Mail