Il realismo ibrido di Quayola allo Urban Smart Stage di Roma: reportage

quayola

Ieri sera sono passata dallo Urban Smart Stage, il tour della Mercedes per la promozione della nuova Smart elettrica: l'occasione per conoscere e presentarvi l'opera di un artista che ci riserva delle sorprese, presente con una video performance live: Quayola.

A Urban Smart Stage (allestito a Roma nei pressi dell'Auditorium in una struttura gonfiabile), la performance si svolge con una doppia proiezione accompagnata da pianoforte: sugli schermi vetrate, affreschi statue si scompongono e ricompongono in frammenti e forme tridimensionali davanti agli occhi del pubblico. Il risultato è affascinante di per sè, ma per capire e gustare lo spettacolo consiglio di dare un occhio ai video: una tipica performance di Quayola si svolge all'interno dell'edificio che ospita vetrate e affreschi, come nel caso bellissimo della Chiesa di S. Eustachio (Parigi). Le proiezioni si sovrappongono qui direttamente allo strato di realtà fisica, con il bellissimo effetto che la superficie architettonica si anima: un realismo ibrido.

Guardando l'opera di questo artista, che sto iniziando a conoscere adessso, il parallelo che mi è venuto in mente è questo: Quayola ha la sapienza e il tocco di un pittore che usa il software per dipingere quadri contemporanei. Se tutto va bene martedì dovrei riuscire ad intervistarlo.

[Foto in alto: Quayola dirante la performance]

Quayola allo Urban Smart Stage di Roma


















  • shares
  • Mail