Masterpiece, a Londra la fiera di arti decorative e capolavori di grandi maestri

Masterpiece: Picasso presso Verre et Compotier

Masterpiece, la fiera londinese di arti decorative e capolavori, aperta al pubblico fino al 29 giugno, si presenta volutamente come un evento per pochi. Non solo per le cose che sono in vendita, da tappeti tessuti con pietre preziose ai Picasso, Renois, Canaletto, ma anche per il prezzo di entrata, 20 sterline. Il doppio rispetto agli altri eventi artistici (mostre o fiere che siano).

Una strana forma di rivalsa nei confronti del mercato di arte contemporanea, che ha tolto, a detto degli organizzatori, troppo spazio all'arte moderna e antica (colpite già dalla recessione).

I primi giorni si sono visti personaggi di vario calibro presso gli stand, da Mick Jagger a Giorgio Armani, che saranno scemati con l'arrivo dell'orda popolare (anche se limitata, visto i prezzi in generale).

L'idea del gruppo di mercanti che ha organizzato l'evento, è quella di ridare spazio ad un genere per cui Londra era famosa, l'antiquariato di lusso. Ed in effetti le arti decorative erano un genere molto apprezzato, con una quantità considerevole di antiquari che sembra effettivamente diminuita. Al loro posto più che arte contemporanea e design, mi sembrano cresciuti gli spazi legati alla moda.

Certo anche strane forme di lusso, come l'Alfa Romeo 8C 2300 del 1933 a più di 4 milioni di sterline o il tappeto di rubini, diamanti, zaffiri del valore di svariati milioni.

  • shares
  • Mail