Gli aerei scultura di Fiona Banner per la battaglia della Tate Britain

Harrier and Jaguar - Fiona Banner - Tate Britain

Il titolo, la battaglia della Tate Britain, l'ho rubato all'Evening Standard, ma era così indovinato, che non ho resistito alla traduzione. Esprime infatti in poche parole il concetto dell'installazione Harrier and Jaguar, esposta presso il museo londinese.

Realizzata da Fiona Banner, consiste in due veri aerei jet utilizzati in guerra. Il primo, Harrier, è stato usato per 12 anni fino a rompersi in fase di atterraggio. Il secondo, Jaguar, ha svolto servizio nella guerra Desert Storm e in Bosnia. Ripuliti e dipinti, sono visibili fino al 3 gennaio 2011 nelle gallerie di arte neo-classica del museo.

Sono stati commissionati all'artista, finalista anche del premio Turner, dalla Duveens Commission (in pratica l'equivalente dell'ente che si occupa delle installazioni della Turbine Hall alla Tate Modern).

La scelta artistica della Banner non ha nessuna nota di protesta. Affascinata sin da bambina, dal rumore emesso dal passaggio dei jet, una volta avuta l'occasione ha voluto riprodurre quel senso di stupore. Fascino che si rivela però ambivalente, visto l'impiego non pacifico di questi strumenti. Prodotti odiati quindi, ma che suscitano anche tanto interesse.

  • shares
  • Mail