A Genova Munch in versione pop nelle serigrafie di Warhol

La mostra su Munch a Palazzo Ducale di Genova, inaugurata il 6 Novembre è un percorso di 8 sezioni che fa luce sui cambiamenti artistici del pittore norvegese.Da tutti conosciuto per l' Urlo, la mostra vuole invece catalizzare l'attenzione sugli aspetti meno popolari dell'arte di Munch regalandoci, a sorpresa, le serigrafie di un altro famoso artista, Andy Warhol.

Tra le opere di Munch interpretate da Andy Warhol, Madonna (inizialmente dal titolo Donna Innamorata) e Autoritratto con Braccio Scheletrico del 1895, realizzate quasi un secolo dopo nella rigorosa veste pop. Warhol non stravolge le opere di Munch, ma si limita a intervenire con il colore e con segni grafici più marcati, per renderle icone irreali, senza la profondità psicologica del pittore. Nella serigrafia pop di Madonna i tocchi di colori fluorescenti, rendono meno esplicito l'erotismo e anche il piccolo embrione al lato della cornice, simile ad un teschio sembra liberarsi della sua carica angosciante; mentre Edward in Autoritratto frontale e con il braccio scheletrico, nella versione di Warhol è risollevato dalle proprie nevrosi esistenziali per diventare icona senza tempo.

La scelta del Palazzo Ducale di Genova di esporre, insieme ai dipinti, la produzione grafica di Munch si rivela molto importante per la comprensione dell'artista. La grafica rispecchia non solo il desiderio del pittore di sperimentarsi con una certa libertà stilistica, ma anche l'opportunità che questa tecnica offriva dal punto di vista economico. Dal 1894 infatti e ancor di più dopo il 1897, anno dell'Esposizione Universale di Parigi in cui si diffusero le xilografie giapponesi su legno, Munch si dedica alla produzione grafica per rendere più fruibili e vendibili le sue opere. Si scopre un aspetto un pò inedito diverso dall'immaginario che vuole il pittore esistenzialista, fuori da slanci innovativi e schivo. Al contrario Munch nell'ambiente di Christiana (Oslo) tradizionale e conservatore faceva molto discutere sia per la tecnica pittorica fatta di segni graffianti e colori sovrapposti sia per le tematiche, sia per l'appartenenza ad un gruppo di attivisti bohemien della città.

Warhol, nato come grafico pubblicitario, ha estremizzato dagli anni del Boom economico in poi, ciò che all'epoca di Munch era la logica del mercato, riuscendolo a smascherare al meglio senza mai contraddirlo.

Foto| Mentelocale

  • shares
  • Mail