Un Google Doodle per Alphonse Mucha, in mostra al Forte di Bard

Google ieri ha festeggiato l'anniversario della nascita dell'artista cecoslovacco Alphonse Maria Mucha (24 luglio 1860 - 14 Luglio 1939). Pittore e artista decorativo protagonista della stagione dell'art nouveau, si è meritato un regalo da parte del colosso americano, un Doodle. In cosa consiste? Per un giorno la grafica dell'homepage del celebre motore di ricerca supporta un re-facement, un rifacimento.

Mucha iniziò la sua attività artistica cantando, poi si dedicò alle scenografie teatrali e alla decorazione di ambienti privati. Per diversi anni ha lavorato a quello che definì il capolavoro della sua vita: L'epopea slava (Slovanská epopej), una serie di venti dipinti di grandi dimensioni raffiguranti la storia della Repubblica Ceca e delle popolazioni slave in generale.

Per tutta la vita, Mucha ha continuato a produrre dipinti, manifesti, pubblicità e illustrazioni di libri, così come arte applicata, disegni per gioielli, tappeti, carta da parati e scenografie, in quello che fu chiamato inizialmente lo stile Mucha, ma divenne poi noto come art nouveau.

Alphonse Mucha
Alphonse Mucha
Alphonse Mucha
Alphonse Mucha
Alphonse Mucha
Alphonse Mucha
Alphonse Mucha

Durante l'avvento del nazifascismo, quando le truppe tedesche marciarono sulla Cecoslovacchia, nella primavera del 1939, Mucha fu tra le prime persone ad essere arrestato dalla Gestapo. Nel corso del suo interrogatorio, alle soglie degli 80 anni, l'artista si ammalò di polmonite e morì nel 1939.

Oggi, Mucha è onorato con un museo chiamato il Museo Mucha, gestito dal nipote, John Mucha. Ma se volete vedere da vicino il suo lavoro non dovete fare molta strada. La prima grande retrospettiva dedicata al maestro ceco apre i battenti il prossimo giovedì 29 luglio al Forte di Bard di Aosta. La mostra si chiama Alphonse Mucha: modernista e visionario, presenta 200 opere e sarà visitabile fino al 21 novembre 2010.

  • shares
  • Mail