"Fermo non so stare in nessun posto" - Alternative Nomadi alla Fabbrica del Vapore di Milano

Giovani artisti provenienti dal bacino del Mediterraneo in mostra a Milano...

"Fermo non so stare in nessun posto" - inizio con una citazione dal Ballo di San Vito di Vinicio Capossela per presentarvi Alternative Nomadi – Mediterranea 16, un percorso ideato in collaborazione con il Museo MA*GA di Gallarate e dedicato ai giovani artisti. A partire da martedì 3 dicembre 2013 (h 18) la Sala delle Colonne della Fabbrica del Vapore di Milano. Il curatore, Alessandro Castiglioni, ha infatti tracciato un collegamento diretto fra la mostra e Mediterranea 16 – Errors Allowed, 16ma Biennale dei Giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo (BJCEM) che si è svolta ad Ancona qualche mese fa. Fino al 12 gennaio 2014 alla Fabbrica del Vapore sarà possibile visitare una selezione di lavori dalla Biennale, in particolare quelli che cercano e definiscono una nuova forma di nomadismo.
Perché divento irrequieto dopo un mese nello stesso posto, insopportabile dopo due?”, questo quello che scrive Bruce Chatwin ne L’alternativa nomade (Adelphi, 2010), definendo forse quella che è un po' la cifra della contemporaneità. Nomadismo che è insito anche nella condizione di precarietà e instabilità della carriera di un giovane artista. Sfruttare ogni occasione, viaggiare, magari contaminare il proprio linguaggio. Una dimensione che ha anche i suoi aspetti positivi, perché "ripulisce" l'animo dell'artista dal suo - a volte pesante, nucleo identitario (lì dove risiede il narcisismo e l'autoesaltazione), per avvicinarlo ai confini, dove anche la bellezza è labile materia da plasmare e riplasmare.
In mostra a Milano ci saranno Ahmed Kamel (EG) | Fabian Bechtle (DE) | Driton Selmani (KS) | Marco Monterzino (IT, nella foto sopra) | Seçkin Aydin (TR) | Roberto Fassone (IT) (Politiche dell’immagine); Alice Pedroletti (IT) | Léna Durr (FR) | Marie Thèrese Saliba (LB) | Enrico Boccioletti (IT) (Identità); Ismini Chacholiadou (CY) | Viola Conti (SM) | Randa Maddah (SY) | Sebastiano Sofia (IT) (Spazi).
Ma non finisce qui. Il percorso espositivo si completa a Gallarate con Videofocus (fino al 22 dicembre): Etienne De France (FR) | Veli&Amos (SI) | Igor Bezinović (HR) | Hanna Hildebrand-Paul Wiersbinski (IT-DE) | Virginia Zanetti (IT) | Randa Maddah (SY) | Esmir Prlja (BA) | Lilo Nein (AT) | Bujar Sylejmani (KS) | Silvia Giambrone (IT).
Entrambi gli allestimenti sono ad ingresso gratuito.

  • shares
  • Mail