Firenze contemporanea:alla II edizione del festival "Contemporary Visions" i nuovi talenti dell'arte

Firenze sorprende gli appassionati d'arte e si propone per il secondo anno come città del contemporaneo. Dal 10 Gennaio 2014 spazio alla II edizione del Festival Contemporary Visions.

Tutti conoscono Firenze per i capolavori dell'arte rinascimentale, ma l'associazione culturale (tutta al femminile) One Day ha deciso che è tempo di cambiare e di portare la città avanti di molti secoli, fino alla nostra contemporaneità. Il 10 Gennaio 2014 inaugura la seconda edizione di Contemporary Visions .

Fino a Novembre 2014, il festival proporrà una visione contemporanea e alternativa dell'arte a cominciare dalla sede scelta, che risponde all'esigenza di far uscire l'arte dai luoghi canonici per un impatto innovativo e più quotidiano. Quest'anno il festival si svolgerà presso Multiverso (via del Campo d’Arrigo 42r), un open-space di coworking (area di lavoro comune). L'arte potrà trovare sicuramente il giusto ambiente espressivo in linea con l' approccio social previsto, che vedrà l'uso di nuove tecnologie dei QRCode e delle App.

Obiettivo dell'evento non è solo quello di presentare talenti, ma incentivare i rapporti internazionali dell'arte per un turismo culturale rivolto all'Italia. Infatti come per la scorsa edizione, gli artisti da ogni parte del mondo, creeranno una piattaforma multiculturale molto interessante e variegata per un confronto creativo. All'inaugurazione sarà la volta di Victoria DeBlassie e Sarah Georg. Victoria DeBlassie, artista del New Mexico, lavora gli scarti alimentari per mostrarcene un riuso artistico davvero scenografico. A Firenze presenterà un'installazione plurisensoriale dal titolo "Cascade", un grande arazzo “tessuto” da bucce d’arancia che manterranno intatto l'odore e l'aspetto. L'installazione tra l'organico e inorganico comunicherà con la performance dell'attrice Sarah Georg, della compagnia Teatro Schabernack”, dal titolo “AromariA – la signora delle erbe”, nata dall'idea del musicista Alessandro Gigli.

Il Festival proporrà cinque sezioni espositive chiamate Art Cloud per ogni diversa stagione dell'anno. La prima ArtCloud presenta l'artista Ceco Klaus Bittner del progetto Dead City, in cui fotografie digitale di città futuristiche ci riportano all'idea dell' urbanizzazione dilagante, destinata a diventare il simbolo di un universo asettico. E poi ancora Habiba Zouabi, Gabi Domenig, Arash Shirinbab, Juri Vergassola, Victoria De Blassie, Sandro Frinolli.

A Firenze un 2014 all'insegna del contemporaneo.

Foto| One Day, Klaus Bittner e Victoria DeBlassie

  • shares
  • Mail