A Parigi la Biennale di Belleville


Un'altra Biennale direte voi? Cominciata questo fine settimana, la Biennale di Belleville durerà fino al 23 Ottobre 2010, in uno dei quartieri parigini più multiculturali e carichi di storia. Situato nella parte orientale della città, il district dei vignaioli e degli operai in cui sono ambientati molti dei romanzi di Daniel Pennac, ha conosciuto radicali cambiamenti del contesto urbano nel corso degli ultimi anni.

Ecco quindi una biennale che si presenta subito per la sua attitudine verso l'arte pubblica. Piazze, strade e giardini verranno vissute e attraversate nell'occasione di incontri, workshop, lezioni. Un nuovo modello di biennale, avviata da curatori e critici d'arte di base a Belleville o che comunque hanno a cuore la vicenda del quartiere, ma che guarda con interesse alle proiezioni internazionali del capoluogo francese.

I cittadini di Parigi sono invitati a riscoprire un territorio, rivederlo e ripensare la cultura attraverso nuovi modi di intendere l'arte contemporanea. Il centro delle esposizioni è il Pavillon de Carré Baudoin, che ospita un allestimento su affinità e divergenze tra arti e scienze demografiche. Migration Report raccogli circa trenta opere di quindici artisti internazionali, tra cui Colomba Allouche, Kader Attia, Stéphane Calais, Hamish Fulton, Camille Henrot, e Jorge Pedro Nunez.

Moltissimi gli eventi collaterali, che culmineranno nella Nuit Blanche del 2 ottobre presso la Maison des Metall. Qui da menzionare ci sono sicuramente le videoproiezioni del duo Caetano Dias (Brasile) e Liu Zhenchen (Cina).

A Parigi la Biennale di Belleville
A Parigi la Biennale di Belleville
A Parigi la Biennale di Belleville
A Parigi la Biennale di Belleville
A Parigi la Biennale di Belleville

  • shares
  • Mail