'Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone', a Lugano


I primi sviluppi della fotografia in Giappone non hanno molto a che vedere con l'approccio occidentale a questa arte. Potrete rendervene conto attraverso due mostre in programma dal 23 ottobre a Lugano, all'interno della rassegna Nippon, Tra mito e realtà: arte e cultura nel Paese del Sol levante.

Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone. 1860-1910
sarà ospitata a Villa Ciani e Araki Love and Death al Museo d’Arte di Villa Malpensata. Due indagini parallele che partono dalla seconda metà dell'ottocento e tracciano un filo nell'iconografia del Sol Levante fino alla contemporaneità.

Della prima mostra, curata da Francesco Paolo Campione e da Marco Fagioli, vedete nella galleria qui sotto una selezione delle oltre 200 fotografie (stampe all’albumina, acquerellate a mano). Una collezione rara, che traccia anche un'indagine antropologica molto delicata, tra documentazione e messa in posa. A fianco alle foto, circa 50 opere d’arte tra sculture e oggetti, come un'armatura di Samurai del XV secolo e diversi abiti.

\'Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone\', a Lugano
'Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone', a Lugano
'Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone', a Lugano
'Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone', a Lugano
'Ineffabile perfezione. La fotografia del Giappone', a Lugano

  • shares
  • Mail