A Forlì per scoprire i segreti del Liberty italiano

Inaugura sabato 1 febbraio 2014 a Forlì LIBERTY. Uno stile per l’Italia moderna...

Il complesso museale di San Domenico a Forlì si prepara ad ospitare un'eccezionale mostra sul Liberty italiano. Segantini, Previati, Boldini, Sartorio, De Carolis, Longoni, Morbelli, Nomellini, Kienerk, Chini, Casorati, Zecchin, Bistolfi, Canonica, Trentacoste, Andreotti, Baccarini si confrontano con autori stranieri come Klinger, Klimt, von Stuck, Beardsley, Khnopff, Burne-Jones. Non solo pittura ma anche grafica, illustrazione, cartellonistica, design e progettazione.
Un movimento che ha attraversato l'Europa assumendo varie denominazioni. Era Art Nouveau in Francia, Jugendstil in Germania, Sezessionstil in Austria, Modern Style o Modernismo nei paesi anglosassoni e spagnoli. Comparso sul finire dell'ottocento, il Liberty si impone presto per la sua capacità di rompere gli schemi e travalicare le discipline, (ri)portando le arti decorative ed applicate, l'urbanistica e l'architettura, al centro del discorso artistico che riguarda il buon gusto, lo stile e la bellezza. Con l'intento di andare oltre lo storicismo e il naturalismo che avevano imposto i paradigmi nel corso dell'800, il Liberty trova terreno fertile nell'Italia postunitaria degli artigiani e degli artisti che hanno nuove idee e aspirano ad avere ordini e commesse al di fuori dello stretto giro del provincialismo regionale.

In un certo modo il Liberty ha una doppia forza, da una parte materializza il sogno della modernità e del progresso – celebrato nelle grandi opere e nelle Grandi Esposizioni, dall'altra mantiene un suo radicamento emotivo e poetico alto, nelle culture a cui fa riferimento. Cultur-e, al plurale, perché il segreto del Liberty è anche la capacità di essere inclusivo, di mostrarsi in pubblico. A differenza delle avanguardie primonovecentesche il Liberty non ha un suo manifesto, pur essendo un movimento culturale abbastanza definito si relaziona a tutto tondo con l'universo socio-economico del presente e viene vissuto dalle persone anche e soprattutto come uno stile di vita, più che un codice o una visione sulla realtà.
Max Klinger, Tritone e Nereide, 1895, olio su tela. Firenze Villa Romana

Galleria Immagini Mostra Liberty - Forlì - Musei di San Domenico

  • shares
  • Mail