Mostre Torino: attesa la pop art di Roy Lichtenstein alla Gam da Ottobre 2014

Dall'impressionismo alla Pop Art: le anticipazioni su una grande mostra alla Gam di Torino in collaborazione con il Moma di New York.

Le notizie sono ancora poche, ma bastano ad accrescere le curiosità. La Galleria d'Arte Moderna di Torino sotto la direzione di Danilo Eccher si prepara ad un' altra grande retrospettiva su uno degli artisti che ha più influenzato la comunicazione artistica nel XX secolo: Roy Lichtenstein. Da Ottobre prossimo la galleria torinese farà un salto temporale di un secolo e proporrà in mostra uno degli artisti simbolo dell'arte pop. L'annuncio è stato dato da Danilo Eccher all'Audizione della Commissione Cultura del 4 Febbraio, ma ogni dettaglio resta ancora informale e segreto.

Quello che si vocifera è di una nuova importante collaborazione con il Museo Moma di New York, dopo il successo di quella con il Musée d’Orsay e l'Orangerie di Parigi per la mostra su Renoir. Una rete che sottolinea la disponibilità da parte delle istituzioni culturali a sapersi privare per qualche mese di capolavori dell'arte resi, per fortuna, sempre più itineranti. Nel frattempo la Gam si avvicina alla chiusura della mostra sul pittore impressionista che ha registrato più di 200 mila visitatori e file interminabili all'ingresso.

Come sarà organizzata la mostra ancora non è dato saperlo; sarà sviluppata per linea tematica o cronologica? Raccoglierà le opere della prima fase meno nota, ma più sperimentale quando Lichtenstein elaborava il linguaggio artistico accostandosi all'espressionismo astratto e al cubismo? Oppure la mostra avrà un taglio nettamente "pop" e raccoglierà le opere dal 1961 in poi? Sarebbe in questo caso comprensibile, visto che è proprio questo il periodo più conosciuto dell'artista quando si discostò dagli stili precedenti per prediligere le tematiche del fumetto e l'imitazione delle tecniche di stampa commerciali. Le variazioni del colore attraverso i famosi cerchi colorati e le tematiche universali come la guerra e l'amore, erano elaborate dall'artista in canoni formali ben precisi per dimostrare l'espressione di uno stato ideale dell'arte.

Non resta, quindi che aspettare i dettagli!

Foto| Lichtenstein Foundation

  • shares
  • Mail