Vendeva falsi Picasso, Dalì e Chagall, scoperto dall'FBI


Ormai, con la crisi galoppante, ognuno si arrangia come può e le truffe d'arte sembrano tornate di moda. A Woodland Hills, un distretto di Los Angeles, un uomo che vendeva falsi d'arte in tv è stato condannato a cinque anni di carcere, con l'accusa di aver raggirato clienti per 20 milioni di dollari.

Con la sua organizzazione, la Fine Art Treasures Gallery, James Mobley, 63enne, si procurava falsi Picasso, Dalì, Chagall e molti altri maestri, che vendeva durante le trasmissioni notturne di venerdì e sabato su DirecTV e The Dish Network. Per sostenere la truffa, erano anche stati forgiati falsi certificati di autenticità, che raccontavano di inesistenti passaggi di proprietà.

La notizia è stata diramata dall'FBI, che adesso ha il compito di avvertire più di diecimila clienti raggirati.

  • shares
  • Mail