Nadia, la particolare macchina fotografica capace di inferire la bellezza

Nadia from Andrew Kupresanin on Vimeo.

Definirla così potrebbe essere una forzatura, ma non è questo il punto.

Nadia
è una bellissima e sottile opera d'arte. Una macchina fotografica ideata da Andrew Kupresanin il cui scopo è "fotografare" la percenutale di bellezza di quello che il suo obiettivo immortala. Priva di display, ciò che vedremo usandola è infatti un segno percentuale: 5%, 22%, 85% e così via.

Naturalmente alla base di questo meccanismo c'è un algoritmo (per la precisione AQUINE, Aesthetic Quality Inference Engine), e non è interessante capire se il sistema di misurazione usato sia più o meno valido. È importante riflettere su come quantità sempre maggiori di device intelligenti siano ormai entrati a far parte della nostra vita quotidiana. In un futuro prossimo, potrebbe essere non più così "bizzarro" o fuori dal comune avere in tasca (magari nel proprio smartphone) un applicazione che "misura" la bellezza (o che ci ricorda che dobbiamo abbioamo ingerito 153 calorie in più del necessario e così via).

E allora, come influenzerà tutto questo le nostre preferenze individuali e i processi creativi? Nadia riflette su questi interessanti questiti. Voi che ne pensate?

  • shares
  • Mail