Furto al Musee des Beaux-Arts Jules-Cheret di Nizza

Complici forse il caldo, l'appeal della spiaggia e la voglia di vacanza, si è consumato a Nizza un nuovo clamoroso furto d'arte. I ladri non vanno in vacanza e sono duenque spariti dal Musee des Beaux-Arts Jules-Cheret della città sulla Costa Azzurra quattro dipinti di grande valore.

Il bottino della visita al museo è di due opere di Bruegel, una di Monet e una di Sisley. Secondo i dati diffusi dalla polizia francese, a mettere a segno il furto sarebbero stati dei rapinatori armati e mascherati, come da copione. Ben congegnato il piano criminale: la rapina sarebbe stata messa a segno nel primo pomeriggio di oggi, approfittando dell'apertura gratuita dell'istituzione museale, ubicata al centro della città. Ma non sono certo passati inosservati: i rapinatori avrebbero infatt minacciato con le armi il personale del museo.

Non nuovo ai furti il Jules-Cheret. Già nel 1998 la galleria aveva infatti subito un furto importante. A essere sottratte erano state anche in quella circostanza due tele, di Monet e Sisley. Una coincidenza?

Via | ansa

  • shares
  • Mail